Ass. Donne Geometra – Consiglio di Stato: Non derogabilità del regime delle distanze legali

Si pubblica l’informativa dell’Associazione Nazionale Donne Geometra – Consiglio di Stato: Non derogabilità del regime delle distanze legali

Il regime delle distanze delineato dal d.m. 2 aprile 1968, n. 1444, essendo rivolto alla salvaguardia di imprescindibili esigenze igienico-sanitarie, è tassativo ed inderogabile, vincolando i Comuni in sede di formazione o revisione degli strumenti urbanistici.

In conseguenza, ogni previsione regolamentare in contrasto con l’anzidetto limite minimo è illegittima e deve essere annullata o disapplicata in sede di impugnazione, stante la sua automatica sostituzione con la clausola legale dettata dalla fonte sovraordinata. Inoltre, il dovere di rispettare le distanze stabilite dal d.m. n. 1444/1968 sussiste indipendentemente dalla eventuale differenza di quote su cui si collochino le aperture fra le due pareti antistanti; ai fini dell’operatività della previsione, è addirittura sufficiente che sia “finestrata” anche una sola delle due pareti interessate.

Si allega copia della Sentenza del Consiglio di Stato, sez. IV- 4 agosto 2016, n. 3522

REPUBBLICA_ITALIANA_1.pdf